I nuraghe di Barumini

turismo

Il complesso nuragico di Barumini sorge in una zona conosciuta come Marmilla, situata nella Sardegna centro-meridionale (nella provincia del Medio Campidano). Il complesso di Barumini è uno dei 55 siti patrimonio mondiale dell’UNESCO che si possono trovare in Italia.
Secondo l’UNESCO, questo sito archeologico estremamente prezioso e importante è esemplare per essere il più completo e meglio conservato dei resti lasciati dalla civiltà nuragica; allo stesso tempo, dimostra anche l’uso intelligente di materiali e tecniche innovativi da parte di una comunità preistorica.

Il Villaggio di Barumini – con le sue innumerevoli testimonianze di una società che durava da oltre mille anni – indica che questo territorio fu abitato per un periodo immensamente lungo: dall’età del bronzo fino al terzo secolo d.C. Questo magnifico villaggio, dominato dal suo magnifico nuraghe centrale – o il tipo di antico edificio megalitico tipico della Sardegna – è anche chiamato “Su Nuraxi”. Da qui il nome del complesso. “Su Nuraxi” è alto 15 metri ed è circondato da un muro di confine composto da quattro torri laterali fuse nel muro stesso. I due piani all’interno della torre centrale rimangono intatti. Qui si trova anche un cortile a forma di mezzaluna e un pozzo o pozzo profondo 20 metri (65 piedi).

I nuraghi, in questo caso, erano torri difensive a forma di cono troncato con stanze interne. Sono stati realizzati con grandi muretti a secco.
Il villaggio sorse intorno a queste costruzioni principali, per lo più capanne a pianta circolare, utilizzate specificamente per attività domestiche e rituali.
Il muro esterno fortificato (facciata continua) è estremamente antico e presuppone persino insediamenti dell’età del ferro (dal IX al XIII secolo d.C.). Questa tenda, inoltre, sembra essere una rielaborazione di un muro di difesa preesistente che comprende la parte più antica del villaggio, risalente all’età del bronzo (dall’XI al X secolo a.C.).

La straordinaria particolarità del complesso “Su Nuraxi” è che i visitatori possono vedere non solo la torre di avvistamento, ma possono camminare tra le rovine di un intero villaggio di mille anni fa, esplorando le prove che narrano le antiche abitudini e costumi di questo popolazione affascinante.
Barumini è la parte della Sardegna che è piena di natura selvaggia, grandi monumenti in pietra e paesaggi meravigliosi – una terra misteriosa e suggestiva che è lontana dalle affollate spiagge della Sardegna.
Eppure, sappiamo molto poco dell’antica civiltà nuragica, tranne per il fatto che erano un popolo di pastori e contadini che visse in piccole comunità in tutta la Sardegna per otto secoli. Hanno lasciato tracce indelebili attraverso questi straordinari edifici.

Esistono circa 7.000 nuraghi in tutta la Sardegna; tuttavia, il vero uso di queste caratteristiche strutture in pietra non è mai stato provato con certezza. Molto probabilmente erano fortezze difensive – anche se alcuni studiosi sono più propensi a dire che erano palazzi o templi.
In ogni caso il nuraghe rappresentava un centro di vita sociale per queste tribù che lasciarono anche costruzioni del periodo megalitico, come le loro necropoli e i luoghi di culto.

A proposito di nuraghe, Cagliari, capoluogo della regione e principale città portuale della Sardegna, è sede del Museo Archeologico Nazionale; in termini di reperti della civiltà nuragica è il più importante al mondo.

Visitare Barumini e il suo territorio significa scoprire un mondo ricco di storia e tradizione. Fin dai primi momenti in cui ti avvicini a questo piccolo villaggio della Marmilla, situato nel cuore della Sardegna, puoi respirare un’atmosfera particolare, quella di un luogo speciale, deputato fin dalla vecchiaia al potere e parte centrale di un ricco terra piena di meraviglie e fondamentale modo di comunicare. Il più importante testimone di questo glorioso passato è senza dubbio la zona archeologica di Su Nuraxi.

Scoperta e portata alla luce negli anni Cinquanta, durante gli scavi condotti dal grande archeologo Giovanni Lilliu, l’area è costituita da un imponente nuraghe complesso, costruito in diverse fasi a partire dal XV secolo a.C. e un esteso villaggio di capanne sviluppato attorno ad esso durante il secoli seguenti. Un posto meraviglioso che dal 1997 è stato iscritto alle liste del patrimonio mondiale dell’Unesco per la sua unicità. La civiltà nuragica si sviluppò in Sardegna durante un periodo di circa 1000 anni (1500-500 a.C.) dando origine a una struttura sociale molto complessa, caratterizzata da comunità divise in diverse classi sociali a cui appartenevano famiglie o clan.

Prende il nome dal monumento più caratteristico di quel periodo: “Nuraghe” una parola che significa “mucchio di pietre” e “cavità”, che indica un tipo di architettura militare con pareti a torretta. Finora, attraverso l’isola sono stati esaminati più di 7000 nuraghi (singole torri e nuraghi complessi) e nel territorio di Barumini ne appaiono una trentina. La loro costruzione in Sardegna è principalmente realizzata tra il Medio Bronzo e la recente Età del Bronzo con una funzione strettamente militare; anche se sono più vecchi di circa 3000 anni, infatti, erano molto simili ai castelli medievali e venivano usati per difendere le terre circostanti. Successivamente furono adattati e riutilizzati fino all’età del ferro e talvolta furono anche usati da persone che presero il posto di quelli nuragici.

diventare-assistente-volo
turismo
Come diventare assistente di volo: requisiti e corsi utili

Essere un assistente di volo è un sogno per molti, un lavoro che porta con sé l’opportunità di viaggiare, incontrare persone da tutto il mondo e vivere esperienze uniche. Tuttavia, per diventare assistente di volo, è necessario affrontare un processo selettivo rigoroso e seguire una formazione specifica. In questo articolo, …

lago-d-orta
turismo
Gita sul Lago d’Orta: cosa vedere e come spostarsi

Il Lago d’Orta, incastonato tra le colline del Piemonte settentrionale, è una gemma nascosta che offre paesaggi mozzafiato, un’atmosfera tranquilla e una ricca storia. Se stai pianificando una gita sul Lago d’Orta, è utile avere una guida completa su cosa vedere e come spostarsi in modo efficiente per goderti al …

Come organizzare lo studio in viaggio
turismo
Come organizzare lo studio in viaggio

Quando si è in viaggio, potrebbe sembrare difficile mantenere l’organizzazione e la concentrazione necessarie per studiare con successo. Tuttavia, con le giuste strategie e un po’ di disciplina, è possibile raggiungere i propri obiettivi di studio anche durante i viaggi. In questo articolo, esploreremo i migliori consigli e trucchi su …